venerdì 11 gennaio 2013

La tragedia di un uomo e del suo paese



Ieri sera ho potuto gustare proprio una bella trasmissione televisiva. Di scena c’era la storia dell’uomo più famoso nel paese, un mito per molti, ma che finì poi per essere assai detestato per le sue azioni. Non si fece fregare solo dall’ambizione personale, dalla brama di potere, sebbene fosse assai anziano. La sua tragedia – ma anche quella dei suoi compatrioti – fu soprattutto causata dal fatto che volle rappresentare politicamente e come capo del governo la fazione politica più retriva e reazionaria, tra l’altro alleandosi con dei razzisti. Giustamente processato, fu infine condannato.

No, non si tratta di Silvio Berlusconi, come si potrebbe sospettare per sovrapposizione. Ieri sera ho visto un documentario in bianco e nero su canale 54, la ricostruzione della vicenda di Philippe Pétain.

3 commenti:

  1. Olympe, off topic le segnalo questo:

    http://www.international-communist-party.org/Italiano/Rapporti/TeoCrisi/76IlCicl.htm#Fenomenologia

    E' uno schema sul processo di nascita e crisi dei cicli capitalistici. Devo dire che è fatto molto molto bene, e suggerisco a tutti di buttarci un occhio.

    Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mauro, un bello schema per davvero.

      Saluti

      Elimina