mercoledì 4 agosto 2021

Perversioni viennesi

 

Un malanno in particolare angustiava la vita della signorina Anna, di 21 anni. Lo raccontava nella sua autobiografia del 1921: soffriva di dispareunia, cioè di dolori genitali durante il rapporto sessuale. In premessa al libro della giovane, il medico e psicologo Wilhelm Stekel (1868 – 1940), scriveva che Anna «si lamentava di non aver mai conosciuto il piacere, malgrado tutte le sue relazioni d’amore. Giungeva all’orgasmo masturbandosi, mai nel coito.»

martedì 3 agosto 2021

La psicoanalista col fazzoletto in bocca

 

Sir Cyril Lodowic Burt (1883-1971), autorevole psicologo inglese, nella prima decade del Novecento dimostrò, in alcuni suoi articoli e con suffragio di test sui gemelli, l’ereditarietà dell’intelligenza, “sebbene fattori sociali e ambientali potessero svolgere un ruolo secondario nello sviluppo intellettuale” (Enciclopedia britannica).

Sostenne che “i livelli d’intelligenza potevano essere correlati con i livelli occupazionali” dei genitori e che i bambini delle classi superiori delle scuole preparatorie private avevano risultati migliori nei test rispetto a quelli delle normali scuole elementari, e che la differenza era innata.

lunedì 2 agosto 2021

L'ex cameriere e l'oligarca ceceno

 

Di nome fa Lorenzo. Nasce ad Aiello Calabro, figlio del sindaco democristiano e nipote del fu pretore di Cetraro. Per quale motivo ne scrive a tutta pagina 9 il Sole 24ore di ieri? Il titolo dell’intervista di Paolo Bricco lo spiega: si tratta del “ragazzo del Sud che scommise sul turismo e oggi è pronto a esportarlo”. Non Murgia & Sushi dell’improvvisato Pierfrancesco “Checco” Zalone in Tolo Tolo. Lui, Lorenzo Giannuzzi, classe 1950, partendo dalla gavetta c’è l’ha fatta davvero.

domenica 1 agosto 2021

L'amante di Max Weber

 

Prima di accennare all’avventura sentimentale che legò Max Weber con la prima cugina del leggendario asso dell’aviazione tedesca, il celeberrimo Barone Rosso, è opportuno dire qualcosa sulla figura di Otto Gross (1877-1919), la cui vita si intrecciò per molti aspetti con quella di questi personaggi e di molti altri ancora.

Otto era figlio di Hans Gross (1847-1915), austriaco, ritenuto il creatore del moderno campo degli studi criminologici ed è considerato tutt’ora il padre della scienza dell’indagine criminale.

Dopo la laurea in medicina, Otto s’era imbarcato come medico sulla rotta da Amburgo all’America Latina. Cocaina e morfina divennero presto per lui abituali, rendendo necessario il suo ricovero in una clinica psichiatrica per disintossicarlo e curarne i sintomi psicotici.

sabato 31 luglio 2021

Il Verbo

 

Sì, è lui, sempre lui, quello col ditino alzato che ogni giorno dice al mondo ciò che è giusto e ciò che invece, ahinoi, è sbagliato. Le opinioni che si discostano dalle sue sono proibite, non già dall’inizio di questa psicosi, ma da prima. Non crediamo più al reale, viviamo nella finzione, perciò non ci resta che seguire ossequienti le sue istruzioni alla lettera. Altrimenti saremo fregati per chi sa quanto, probabilmente per l’eternità.

Non roviniamo la nostra possibilità di esserci imbattuti in un messia così intelligente che facciamo fatica a capirlo. Per esempio: la liberalizzazione dei brevetti per il vaccino anti- covid non è la soluzione, poiché manca e continuerà a mancare capacità produttiva e capitale umano.

Russia e Cina riescono a mandare tonnellate di ferraglia verso Marte e i bastioni di Orione? Però mancano di capacità produttiva e capitale umano per replicare il vaccino su libera licenza. Poveri deficienti che siamo, dovremmo vergognarci di fargli perdere tempo per spiegarci queste ovvietà.

E così l’India, la Francia, l’Italia, che pur rifornendo il mondo intero di medicinali, mancano di capacità produttiva e capitale umano per produrre un simile farmaco. Ci vuole il pentolone giusto per miscelare, e qualcuno che sappia usare il mestolo d’oro massiccio. Facciamocene una ragione, suvvia.

Tra alcuni anni, sempre sotto il segno del virus, alla variante Ω, ci ripeterà che continua a mancare capacità produttiva e capitale umano per produrre su libera licenza il vaccino.

Siamo fortunati che un giorno i pianeti si siano incontrati per inviarci il nuovo prescelto. Non lo meritiamo. Lui, che resta umile, nonostante la sua evidente superiorità intellettuale, ci dice con modestia che ci sbagliamo, ma che non è colpa nostra, siamo solo degli sciocchi.