sabato 1 gennaio 2022

Solo dei banditi


Nel primo pomeriggio, stavo guardando la partita di calcio Arsenal-Manchester City. Lo stadio era gremito di spettatori. Quando le telecamere inquadravano gli spalti, non si vedeva uno spettatore, dico uno solo, che indossasse la mascherina. Anche nelle panchine a bordo campo nessuno aveva la mascherina. Quando il Manchester ha segnato il gol, alcuni giocatori sono corsi verso gli spettatori e con essi si sono abbracciati (negli stadi inglesi non ci sono recinzioni come in Italia). Più tardi, passeggiavo. Nel raggio di centinaia di metri non c’era anima viva, tuttavia indossavo la mascherina, così come prescritto. Pensavo: o gli inglesi sono degli sconsiderati, oppure in Italia ci sono dei pazzi che ci obbligano a dei comportamenti assolutamente privi di razionalità e buon senso. Una terza ipotesi non mi è venuta in mente.


Quando sommi ciò che accade di questi tempi, ancor più che in altri, ottieni il ritratto di un Paese, dei suoi abitanti e della sua classe dirigente, delle loro idiosincrasie, fobie, patologie. Ridere non potrebbe che farci bene, ma non si può più. E non è un caso che la satira in Italia non esista. Al massimo la vignetta caricaturale, ma la satira, senza sconti e riguardi per nessuno, non c’è.

Da un paio d’anni le cose non hanno più lo stesso valore di prima e quelle che erano considerate le fondamenta del nostro patto sociale stanno cadendo a pezzi. Bisogna essere stupidi o troppo cinici per non ammetterlo. A parte gli idioti che s’inventano cose palesemente demenziali, ma gli altri, quelli che con ragionevolezza e dati alla mano denunciano gli imbrogli di questo stato di cose? Tutti fuori di testa anche loro, da mettere in TSO? E quelli che scrivono e firmano ste robe qua invece sono sani di mente?


Certo, questo virus con le sue stagionali varianti aggressive non fa stare tranquilli. La vaccinazione, per quanto discutibile sotto certi profili, non è acqua fresca e in qualche modo protegge. Ma tutto il resto? Già prima vigeva un sistema che ci vuole perfetti, sempre e ovunque, che considera la malattia un fallimento, che ci terrorizza per due bicchieri di vino. Come siamo arrivati a un tale grado di oppressione, di violenza, di menzogna? 


Quale studio, quello finanziato dalla Coca-cola?



12 commenti:

  1. ciao Olympe tanti auguri buon anno

    RispondiElimina
  2. disdoro assoluto!

    RispondiElimina
  3. Capisco che è sociologia da bar, però spesso mi sorprendo a immaginare un mondo senza leccaculi, e me lo figuro come il giardino dell'Eden

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certi leccaculo neanche il covid se li prende, purtroppo

      Elimina
  4. Questa Elena Stancanelli che scrive sull'organo della Famiglia Agnelli può aspirare alla cattedra di teologa: Dentro ognuno di noi è in agguato un piccolo No Vax, perché la superstizione è più forte della ragione, ed è quasi impossibile estirparla del tutto. Il nostro compito è tenerlo a bada quel piccolo No Vax, perché non cresca. Lasciarlo ogni tanto sfogare e poi ricacciarlo giù, tra i cattivi pensieri, dove deve stare..
    Cattivi pensieri. Ricacciare giù. Non ci indurre in tentazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sublima l'astinenza sessuale con altro

      Elimina
    2. Mi hai fatto ridere.
      Grazie per avermi tenuto compagnia facendomi riflettere e alcune volte sorridere. Buon anno.
      Marco


      Elimina
    3. Grazie Marco, contraccambio di cuore

      Elimina
  5. Ma segui il calcio inglese ? Mi sei sempre più simpatica

    RispondiElimina
  6. "...cioè di farle venire ne i cervelli atti piú alla loquacità ed ostentazione, che alla specolazione ed investigazione dell’opere piú segrete di natura; li quali, prima che ridursi a profferir quella savia ingenua e modesta parola Non lo so, scorrono a lasciarsi uscir di bocca, ed anco della penna, qual si voglia grande esorbitanza" (Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo)
    Che avrebbe detto il buon Galileo di un Burioni che prima sostiene esser più probabile la caduta di un asteroide che una pandemia e poi (poi!) se la prende dicendo che mica gli scienziati hanno la sfera di cristallo.
    Certa scienza mediatica ha fatto più danni degli oroscopi
    Giovanni

    RispondiElimina