venerdì 9 gennaio 2015

Vittima del puritanesimo


Nel gennaio 1944 le armate tedesche, sebbene molto provate e nonostante la grave sconfitta subita l’anno prima a Stalingrado, cingevano ancora d’assedio Leningrado e non distavano molto da Mosca. In quel mese i sovietici lanciarono la più massiccia controffensiva che in poco più di un anno doveva condurli alla vittoriosa battaglia di Berlino, dove però subirono altre pesantissime perdite: 80mila morti e oltre 200mila feriti (*).

Un’altra grande offensiva seguì quella del gennaio 1944, e fu da Stalin denominata Operazione Bagration. Essa fu sferrata il 22 giugno 1944, anniversario dell’invasione tedesca, con lo scopo di annientare le forze tedesche del gruppo d'armate Centro schierato in Bielorussia e nella Polonia orientale, fino alla Vistola e al Niemen.



Pëtr Ivanovič Bagration era stato un generale dello zar Alessandro. Nella battaglia di Austerlitz, comandava l'ala destra dell'esercito alleato, l’unica che riuscì a contenere i francesi e poi costituì la retroguardia che coprì la ritirata delle forze principali. Pare che Napoleone lo ritenesse il migliore generale dell'esercito russo. Nel 1812, Alessandro gli affidò la guida dell'ala sinistra dell'esercito russo (II armata) nella battaglia di Borodino, col grado di maresciallo. Durante la battaglia fu gravemente ferito a una gamba, rifiutò l’amputazione e pochi giorni dopo morì per sepsi, anche per l’imperizia dei medici, come riporta un resoconto clinico.

Lo zar volle che fosse sepolto laddove fu ferito e che vi fosse eretto un monumento (sta in cima alla collina che dista alcune centinaia di metri dal museo), così come altre memorie gli furono dedicate altrove e nella stessa capitale.

Nel 1800, per espressa disposizione dello zar Paolo, Bagration si vide costretto a sposare Ekaterina Pavlovna Skavronskaya, a sua volta innamorata del conte Pëtr Alekseevič Palen. Caterina, che assumerà il nome e il titolo del marito, era una donna molto bella e di modi raffinati, allevata alla corte di Pietroburgo, di natali napoletani, poiché suo padre fu ministro plenipotenziario dello zar a Napoli. Sua madre, Ekaterina von Engelhardt, fu nipote e amante di Potëmkin, dal quale prese nome l’omonima corazzata e il relativo film di Ėjzenštejn.

Il marito di Caterina, Pëtr Ivanovič, nonostante fosse un rampollo dell’antichissima famiglia reale georgiana (tutt’ora uno dei rami di questa famiglia continua ad usare l'appellativo di famiglia reale di Georgia), nipote del re Jese di Kartli, e facesse parte della nobiltà di corte a Pietroburgo, è descritto esattamente come l’opposto della consorte: di non bell’aspetto, rude e greve quanto poteva esserlo un militare di carriera, e tuttavia seppe essere molto comprensivo e accomodante a riguardo della disinvolta Caterina.

Cinque anni dopo il matrimonio, Caterina Bagration piantò in asso il marito e si mise a errare per l’Europa, dove ottenne grande successo e diventò ben nota nei circoli di corte, famosa ovunque come Bel Angel Nu, soprannome che denota i suoi costumi. Divenne amante anche di Klemens von Metternich, dal quale ebbe nel 1810 una figlia, Marie-Clementine Bagration, non riconosciuta dal principe austriaco. In seguito Caterina Bagration fu intima e confidente dello zar Alessandro.

Non fu l’unica nobildonna ad esercitare grande influenza nel corso del congresso di Vienna. Dorothea von Biron, per esempio, fu un’altra donna che ebbe parte attiva quale amante del ministro francese Charles-Maurice de Talleyrand, il quale l’aveva data sposa a suo nipote Edmond. Il celebre vescovo/diplomatico francese ebbe a dire che Dorothea era la persona più intelligente che avesse conosciuta. Di nobile famiglia tedesca, pare che Dorothea fosse figlia non già del duca Peter von Biron, bensì dello statista polacco Aleksander Batowski.

Caterina Bagration, dopo il congresso di Vienna, abitò per lungo tempo a Parigi, dove venne in contatto con personaggi come Stendhal, Benjamin Constant, il marchese di Custine, la regina di Grecia. Il cuoco della principessa per un certo periodo fu Marie-Antoine Carême, fondatore della haute cuisine. Morì a Venezia nel 1857, ed è sepolta nel cimitero dell’isola di San Michele.


Sua figlia, Marie-Clementine Bagration, morì invece molto giovane, nel 1829, a seguito del parto con cui mise alla luce Otto Paul Julius Gustav von Blome (1829 -1906), nipote biologico di Metternich. Gustav von Blome ebbe dieci figli.


(*) William Averell Harriman (e non Churchill, come si scrive spesso), ambasciatore Usa a Mosca, incontrando Stalin al termine del conflitto, si felicitò con lui rilevando che le armate russe sotto il suo comando erano entrate a Berlino. Stalin gli rispose che lo zar Alessandro era arrivato a Parigi!

(**) “La notizia di questa perdita scoraggiò talmente gli uomini di Borozdin e di Bagavout che essi sospesero la lotta ed abbandonarono temporaneamente le loro posizioni ai francesi, ormai esausti, ma ben felici dell’insperato successo” (David G. Chandler, Le campagne di Napoleone, II, p. 964).

(***) In Wikipedia si può godere questa boutade: “Nacque a Parigi nel 1784, all'apice quindi della Rivoluzione francese …..”.

(****) Nello stesso cimitero è sepolta anche Anna Bagration, nata Nina Savyshna Martinoff (1825-1885), moglie di Costantino Alekseevich Bagration.


4 commenti:

  1. Gennaio 1994. risparmiare su tutto ma mai sul correttore di bozze -))

    RispondiElimina
  2. Proprio all'apertura del post, ha scritto "nel gennaio del 1994 le armate tedesche", ecc.

    saluti

    RispondiElimina
  3. Bella storia ,Olympe...potrebbe fare il paio con quella storia del Re pederastra....a proposito di usi e costumi delle aristocrazie..gia'gia'...mentre i Puritani hanno fatto il nuovo mondo o lo facevano..se ne vedono gli effetti anche ora...questi si sollazzavano senza capire ...che i loro colli erano in pericolo..diciamo che comunque alla fine se la sono ancora sfangata...

    RispondiElimina