venerdì 19 ottobre 2012

Rottinculo e terza repubblica



Per quanto possa contare, sono d’accordo con Malvino quando dice, a proposito di Renzi, che quanto sta avvenendo porterà “all’inevitabile scissione del partito» e che in tal modo non avrà solo “rottamato la vecchia classe dirigente del partito, ma il partito”. E sono anche d’accordo quando scrive, un po’ sibillinamente, che tale risultato “non sarebbe quello che ha voluto o almeno ha fin qui dichiarato di volere”. Credo proprio che l’operazione di Renzi, persona di formazione cattolica e orientamento reazionario, consista proprio nel far esplodere nel Pd le irrisolte contraddizioni, quelle di un partito nato come contenitore “dell’ibrida chimera di Moro e Berlinguer”, ma che ha trovato sulla sua strada – mi pare evidente – un blocco sociale che si è opposto – spaventato – a ogni pur minima velleità riformista (in definitiva a tenere insieme ciò che oggi si chiama Pd è stato soprattutto l’antiberlusconismo, se non altro quello di facciata). Dove vada a parare politicamente la faccenda Renzi, ovviamente i “vecchi” boss del partito l’hanno compreso benissimo. Però c’è dell’altro, qualcosa che traspare meno e che Veltroni, sempre lesto nel cambiare distintivo, ha colto subito, smarcandosi per tempo.

Questo qualcosa ha a che fare – ben oltre le apparenze – pur sempre con quel blocco sociale che si è opposto – attraverso il berlusconismo – a ogni pur minima velleità riformista. Anche in questo, Malvino coglie bene quando interpreta che “Grillo e Renzi insieme fanno il Berlusconi che fino a ieri incarnava un blocco sociale”. Credo però non sfugga a nessuno che si tratta di un blocco sociale di classe che sta usando il malcontento e la protesta a piene mani di un'area sociale tradizionalmente di "sinistra" o comunque intesa come progressista, per un progetto – in definitiva – di conservazione (la "rivoluzione" fascista, non fu conservatrice?). Il solito cambiare tutto perché tutto resti come prima. 

Dove non sono d’accordo – se interpreto bene – con Malvino, è quando egli conclude così: “L’operazione non è riuscita”. Non direi. È vero e non è immaginabile che la borghesia possa lasciare in mano a Renzi una qualsiasi effettiva leva di potere (ammesso che oltre a rottamare e spaccare il partito riesca ad imporsi), tantomeno a Grillo, ma l’operazione è ancora in corso e non è detto – tutt’altro – che ne conosciamo i contorni, nazionali e internazionali. Renzi e Grillo (questi, suo malgrado) – lo si vede dallo spazio mediatico che occupano – fanno parte di un progetto, quello appunto di rottamazione di una classe dirigente per sostituirla con un'altra o comunque ridurne il peso e l'egemonia. Nel 2013 questa operazione di stampo populista porterà alla nascita della cosiddetta terza repubblica.

Il 9 novembre dell’anno scorso scrivevo: “l’errore di ieri, di non aver votato contro [Berlusconi], è possibile che si riveli anche più grave e denso di conseguenze. Magari non subito, ma nel tempo, nei prossimi mesi”. E il 17 novembre: “Il suicidio politico del Pd, continua. Alle prossime elezioni si arriverà al funerale”. Se non proprio al funerale, all’estrema unzione.

Assistiamo, soprattutto, a una crisi complessiva di sistema che lascia spazio a molte incognite e pericolose derive. La borghesia autoctona, il blocco sociale di classe di cui dicevo, crede di poter governare questa crisi e anzi di saperne approfittare ancora una volta per cogliere, al momento opportuno, fior da fiore. E tuttavia l’Italia, nel quadro strategico complessivo, ha il destino segnato, da sempre si potrebbe dire. Come scrivevo ieri, i grandi poteri puntano sulle debolezze nostre (cioè corruzione e criminalità politica) per distruggere alcuni settori importanti dell’economia che ci vedono come concorrenti sul mercato internazionale e per comprare pezzi rilevanti del nostro patrimonio.

Nessun commento:

Posta un commento