giovedì 18 settembre 2014

Guerre tra poveri




Si sono mai visti dei pullman carichi di laureati bolzanini partire per la Calabria o la Sicilia o per qualunque regione per andare a svolgere delle prove concorsuali? Né, viceversa, si vedranno dei pullman carichi di laureati di altre province o regioni salire fin sulle Alpi per lo stesso motivo, ben sapendo che ai posti in concorso a Bolzano hanno preminenza i residenti (a parte il fatto del bilinguismo come requisito). E tuttavia ciò che vale per Bolzano non vale per Padova, Vicenza e altre province. Ecco allora che per 2 (due) posti d’infermiere le domande piovute da tutta Italia per un posto a Cittadella e uno a Vicenza sono state ben 6.923, provenienti prevalentemente dal centro-sud. Chiaro che a un laureato veneto debbano girare molto forte, anche perché si sa come funziona con i punteggi in certe regioni (la Puglia, per esempio, registra più diplomati cum lode di tutte le regioni del nord insieme). Lo stesso discorso riguarda le graduatorie degli insegnanti precari e via discorrendo. Sarebbe interessante vedere la reazione dei locali se a Vibo Valentia, per citare un nome, arrivassero i pullman dal nord per un posto d'infermiere o di maestro elementare. La Lega ovviamente cavalca il malcontento, trasformando una guerra tra poveri in una guerra di secessione. Meno male – dico seriamente – che in Italia i referendum sul tipo scozzese non si possono fare: al nord sarebbe plebiscito. Del resto, una questione molto seria come il federalismo, posta in mano a dei cretini, non poteva finire meglio di com’è finita.

3 commenti:

  1. Quesito vagamente retorico,a Vibo V.non ci andrebbero comunque i laureati nordici se non alla fame, quella vera però, e poi resta comunque da vedere. Per sostenere l'esame per l'avvocatura quest'ultimi fino a poco tempo fa si presentavano a Reggio C., e nelle pieghe del sistema ci si buttano tutti alla bisogna.
    'si sa come funziona con i punteggi..' eh beh. Intanto noi siamo del Nord.
    Il federalismo nostrano poteva essere amministrativo/fiscale nella migliore delle versioni, cementando nel contempo una solida secessione mentale.Il peccato originale è difficilissimo da cancellare.

    RispondiElimina
  2. insomma anche qui come per l' annosa questione capitale-lavoro siamo sempre alla solita "fenomenologia dei problemi ".
    Che pero' poi tanto inutile proprio non e' ... quantomeno servira' alla diagnosi per quando saremo morti .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ogni cura ha bisogno di una buona diagnosi

      Elimina