lunedì 29 luglio 2019

Ipocrisie



Ha destato ovvio clamore e indignazione la foto che ritrae l’indagato con la benda sugli occhi. Il carabiniere responsabile del fatto sarà, dicono, trasferito di sede. Così potrà beccarsi, secondo legge, l’indennità e la diaria di trasferimento. E le prossime volte eviterà le foto.

Non ricordo altrettanto clamore e indignazione quando ad essere sottoposti a pesantissime torture fisiche e finte fucilazioni erano altre persone; quando veniva dato il “colpo di grazia” a persone che si erano già arrese, come nel caso di Mara Cagol o di Prospero Gallinari (il quale sopravvisse menomato); quando si organizzavano premeditate stragi come nel caso di via Fracchia a Genova, o si sparava con il mitra alle spalle del ventenne Walter Alasia mentre tentava la fuga. Né mi pare ancor oggi vi sia generale indignazione per una forma di grave tortura fisica e psicologica, quella indotta dall’articolo 41 bis. Se eccepite che si tratta di casi relativi a terroristi e mafiosi, allora evitate di citare l’articolo tal dei tali della Costituzione solo quando vi torna comodo.


4 commenti:

  1. Senza dimenticare tutti i "caduti" sul lavoro, nell'adempimento del loro dovere .
    Così penso che si dica !

    caino

    RispondiElimina
  2. Il 41 bis è una forma di tortura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Luca Massaro

      Nei confronti dei soli mafiosi, è un'efficacissima forma di repressione.
      Amen!

      Elimina
  3. Ipocrisie non molto diverse da quelle di chi prima spara alle spalle di chi quella costituzione dovrebbe difendere salvo poi chiedere la resa quando il caricatore è vuoto.

    RispondiElimina