mercoledì 10 agosto 2022

Green pass elettorale

 

Un nonnulla, quasi una facezia, ma confondere le responsabilità di Diaz con quelle di Cadorna, per quanto riguarda il fattaccio di Caporetto, a mio non modesto avviso la dice lunga su una certa leggerezza. Poi, mio dio, può capitare l’infortunio, un errore di sbaglio si diceva una volta, tuttavia la diffusione e il ripetersi di simili episodi rivela la qualità media di troppi personaggi, ma anche di chi legge certa roba senza avere un sobbalzo.

Provate a scrivere come andrebbe preparata la carbonara, l’amatriciana o la cacio e pepe. Allora sì che fioccano i commenti, ognuno con la sua versione autentica. S’innescano diatribe infinite sulla pancetta, il pecorino, le uova, il tipo di pasta, eccetera. L’immancabile anatema di un Burioni riguardo l’impiego della panna, il GIMBE sulle presunte evidenze di rischio riguardo certi abbinamenti e sui tempi di cottura. Si arriva presto alla rissa, a offese sanguinose. Siamo un popolo di gastrosofi, oltre che di commissari tecnici. Si fa per dire, ma è proprio ciò che accade realmente, e in culo a Cavour e alla guerra di Crimea tra russi e ucraini.

Deboli in storia, non credo vi sarebbe migliore risultato in geografia, economia e altro. Propongo dei test rapidi di cultura generale, tipo covid. Interrogare politici, giornalisti, mangia tartine e presunti intellettuali e ascoltare i loro gargarismi di nozioni storiche, geografiche, economiche ci terrebbe allegramente occupati con grande umorismo. Non solo loro, anche gli elettori prima di entrare al seggio, con il rilascio di green pass solo se si supera l’esame. Così poi nei seggi lo spoglio dei voti si potrebbe svolgere in dieci minuti, con risultati clamorosi.


7 commenti:

  1. ma allora fai prima a togliere la tessera elettorale a chi ha usato quella verde.
    Chi ha creduto, obbedito e combattuto per la tessera verde si è posto fuori da quadro democratico.
    E ora vorrebbero andare a elezioni?

    RispondiElimina
  2. Anche se capisco che si tratta di facezia, vale la pena di commentare seriamente l'ultimo paragrafo del post, perché esso corrisponde a un diffuso sentire, per nulla faceto. Si tratterebbe di sostituire il censo con la cultura, per avere l'accesso al voto. Per tutto il dopoguerra si sono rincorsi lai elitisti che avevano come bersaglio il suffragio universale. Finché il PCI era davvero il partito degli operai, gli strali venivano da destra. A partire dal 1994, il vento si è invertito. Elvira Sellerio ristampò prontamente l'Apologia di Socrate, diffondendo lei stessa la voce (nessuno l'avrebbe altrimenti capito) che era stata la democrazia, e quindi, in senso traslato, Berlusconi a uccidere ingiustamente il filosofo. Poi vennero le fortune della Lega, e poi quelle dei grillini. E sempre gli illuminati a sussurrare che è colpa del suffragio universale.
    Naturalmente, è un chiagne e fotte. C'è un partito che non prende neanche la maggioranza relativa, e da dieci anni governa e soprattutto sottogoverna. Con il suffragio universale convive benissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la prima che hai detto, speravo si capisse, ma non lo dico a te

      Elimina
  3. Ragionier non hai tutti i torti... ma tu, tra chi l'ha usata, escluderesti tutti o solo coloro che hanno cominciato a farla e usarla per "turismo", per attività "ludico-sportive", per "andare al teatro, al cinema, in un museo" o a tutti, anche a coloro che la esibivano per lavorare, o andare a far visita a un parente dentro una RSA?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutti! tranne i miei elettori, ciao

      Elimina
  4. «Interrogare politici, giornalisti, mangia tartine e presunti intellettuali e ascoltare i loro gargarismi di nozioni storiche, geografiche, economiche ci terrebbe allegramente occupati con grande umorismo. Non solo loro, anche gli elettori prima di entrare al seggio, con il rilascio di green pass solo se si supera l’esame ». Se sui primi sarei d'accordo, più che altro per dargli il permesso di candidarsi, sui secondi - consentimi - non lo sono, un po' perché la penso come disse Andreotti durante un convegno (dopo cerco il link del video), e un po' perché a giudicare chi passa non è che sempre ci puoi essere tu, o qualche amico comune, i soli ai quali potrei avallare simile cernita.

    RispondiElimina
  5. eccolo qua https://youtu.be/Eb4erzlBSV4

    RispondiElimina