giovedì 22 aprile 2021

Sushi al trizio

 

L’11 marzo 2011, un violento terremoto ha creato uno tsunami che ha devastato le città costiere del Giappone e causato una parziale fusione in tre reattori della centrale nucleare di Fukushima Daiichi. Per raffreddarli, l’acqua veniva pompata attraverso i reattori, un processo che continua ancora oggi, e raccolta e immagazzinata in grandi serbatoi di acciaio all’esterno della struttura. Si stima che ci vorranno altri tre decenni per completare lo smantellamento dell’impianto.

Il 13 aprile scorso, il governo giapponese ha annunciato che intende scaricare 1,25 milioni di tonnellate di acqua radioattiva dalla centrale nucleare di Fukushima Daiichi nell’Oceano Pacifico. I lavoratori della pesca, dell’acquacoltura e di altre industrie correlate hanno denunciato la decisione insieme ai governi della regione, tra cui Corea del Sud e Cina.

Tokyo ha affermato che l’acqua sarebbe stata scaricata solo dopo essere stata trattata per rimuovere gli isotopi radioattivi più dannosi. Lo stesso giorno il primo ministro Yoshihide Suga ha sostenuto che non ci sono alternative allo scarico e per smantellare la centrale nucleare e ricostruire l’area di Fukushima.

La Tokyo Electric Power Company (TEPCO), proprietaria dell’impianto, afferma che filtrerà tutti gli isotopi pericolosi dall’acqua, tranne il trizio che è difficile da rimuovere. Diluirà l’acqua a livelli considerati innocui. Il governo afferma che questo processo replica ciò che avviene negli impianti nucleari di tutto il mondo. Ha fissato un limite di 50 becquerel di attività radioattiva per chilogrammo (Bq/kg) nel cibo proveniente da Fukushima al fine di dimostrare la sua sicurezza, molto al di sotto dello standard di 1.200 Bq/kg negli Stati Uniti. Tuttavia, il trizio, se ingerito, può aumentare il rischio di cancro.

Ci sono poche ragioni per credere a TEPCO. L’azienda ha affermato per anni di aver filtrato isotopi pericolosi fuori dall’acqua e solo nel 2018 ha ammesso di aver mentito. TEPCO ha una lunga storia di violazione delle norme di sicurezza, inclusa la creazione delle condizioni che hanno portato lo tsunami a danneggiare l’impianto.

Nonostante tutte le affermazioni di aver imparato dal disastro del 2011, TEPCO ha ammesso a febbraio di aver saputo che lo scorso anno due sismometri installati nel reattore numero 3 funzionavano male e non erano stati riparati. L’autorità di regolamentazione nucleare ha incaricato l’azienda di installare i dispositivi di misurazione solo nel marzo 2020. Il problema è emerso dopo che i dispositivi non sono riusciti a registrare un terremoto a febbraio.

Ci sono state manifestazioni di protesta degli abitanti della zona in merito alla decisione del governo e della TEPCO. I pescatori sono preoccupati per l’impatto e dal fatto che non potranno vendere le loro catture. La TEPCO afferma che risarcirà coloro che subiranno perdite, ma i pescatori hanno respinto la profferta come insufficiente.

Molte città costiere della regione fanno molto affidamento sulla pesca, non solo in Giappone. Il 19 aprile, i pescatori sudcoreani hanno organizzato una manifestazione in mare al largo della costa meridionale vicino a Yeosu, coinvolgendo circa 150 imbarcazioni. Una dimostrazione separata lo stesso giorno ha avuto luogo al largo della costa dell’isola di Geoje. Ci sono fino a 130.000 pescatori nello Shandong e forse un milione a livello nazionale cinese.

Seoul sta valutando la possibilità di intraprendere un’azione legale contro il Giappone presso il Tribunale internazionale per il diritto del mare e ha richiesto informazioni a Tokyo, che finora non ha risposto.

Non vi è alcuna garanzia che non mangeremo pesce radioattivo. Il vice primo ministro giapponese Taro Aso ha dichiarando: “Anche bere l’acqua [contaminata] non sarebbe un grosso problema”.

Se le acque reflue nucleari verranno scaricate in mare, e la cosa è certa, l’impatto andrà oltre la sicurezza alimentare.

11 commenti:

  1. mai visto un popolo piu' imbroglione dei nippo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho una classifica molto diversa

      Elimina
    2. puo' essere, lavorando in un azienda nippo, potrei raccontarti storie che fanno di noi italiani oneste gentildonne

      Elimina
    3. ah. le classifiche sono sempre provvisorie.

      Elimina
    4. @ anonimo
      Ce ne racconti qualcuna di queste storie, please!

      Elimina
  2. Meritiamo l'estinzione
    AG

    RispondiElimina
  3. E pensare che ci sono ancora coglioni convintissimi dell'energia nucleare.
    Ma che deve succedere per costoro affinché si ravvedano, il cataclisma globale?
    Saluti

    RispondiElimina
  4. Qualche post più in giù, mi suggerivi di leggere lo scritto di Keynes sulle trattative di contorno alla conferenza di Versailles. L'ho fatto, e ho verificato le cose che dicevi, concordando con te. Una di queste riguardava la descrizione del Maresciallo Foch, che qui riporto con una chiosa di attualità in calce:
    Ha vedute ristrette e una mentalità militarista
    Ritiene che esista una netta distinzione tra le
    questioni militari e quelle civili: solo le prime
    sono importanti, e non è ammessa alcuna in-
    trusione da parte di chi non è qualificato a oc-
    cuparsene. Guarda con educato disprezzo i
    civili e i loro affari, dei quali è e si professa to-
    talmente ignorante. Proprio come certe fac-
    cende sono di competenza dei preti e dei ge-
    suiti, che giustamente soffrono delle interfe-
    renze dei laici, così certe altre riguardano se-
    condo lui solo i militari, che dovrebbero esse-
    re ugualmente protetti da ogni ingerenza.
    Sono convinto che la mente e il carattere di
    Foch siano di una semplicità estrema, quasi
    medioevale. È onesto, coraggioso e tenace,
    ma i nove decimi dei problemi dell’umanità
    sono al di fuori del suo campo visivo, e il suo
    modo di pensare gli impedisce di prestarvi
    attenzione. Per questo in determinate circo-
    stanze rischia di essere pericoloso per il be-
    nessere collettivo, come tutti coloro che som-
    mano una visione del mondo chiusa e ristret-
    ta a un carattere forte e semplice. Ma ciò non
    deve indurre a sopravvalutarlo: nonostante
    il suo ruolo, è un uomo piccolo – un conta-
    dino.

    La chiosa è questa: se sostituiamo "militarista" con "virologo televisivo", abbiamo un ritratto attuale. La pianificazione della pace esclusivamente in ottica militare, senza tener conto degli aspetti civili, assomiglia all’attuale ricerca del rischio zero dal punto di vista sanitario, contrapposta a un bilanciamento di sanità, economia, istruzione, equità sociale, salute psicologica dei cittadini e, last but not least, rispetto delle norme costituzionali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero, si adatta a molte categorie di "esperti", in particolare alla specie virale televisiva da te indicata. io non ascolto più, ormai il discorso non ha nemmeno più, non dico la parvenza di un discorso scientifico, ma nemmeno razionale. siamo alla patologia psichiatrica, e non lo dico tanto per dire.

      Elimina
    2. Sarebbe dovere della politica fare la sintesi. Ma gli va bene così.

      Elimina
    3. non cercano mica il rischio zero sanitario. E' un discorso economico e la sintesi riesce loro abbastanza bene finché pensiamo che le restrizioni siano di ordine sanitario.

      Elimina