martedì 27 ottobre 2020

La Maria Antonietta de noaltri

 

Non hanno capito, non possono capire, continueranno a non voler capire. Perciò insistono a parlare di strumentalizzazioni e d’infiltrati. Che pure ci saranno, ma la protesta, anche silenziosa, è ampia. Riguarda milioni di persone.

Il primo motivo di questa incapacità e volontà nel non voler capire la situazione è molto semplice: LORO ricevono puntuale ogni mese lo stipendio. Pensano che chi ha perso il lavoro possa vivere di mancette, se e quando arrivano.

Sono stati rasi al suolo interi settori economici. Quelli che danno modo di sopravvivere, di sfangarla, a milioni di famiglie. Persone che magari in certi casi lavoravano in nero, ma lavoravano, cazzo!

Non puoi dire, se non sei un imbecille, a una guida turistica di 40 o 50 anni che deve cambiare mestiere. Dire a un cameriere o a un barista che arriveranno 600 euro a novembre. Forse. Devi spiegare il motivo per cui chiudi un bar o un ristorante alla sera ma non un centro commerciale o una fabbrica, una palestra ma non una chiesa.

Protocolli ospedalieri semplicemente demenziali per cui si ricovera gente con una classica sindrome influenzale (che non è robetta, sia chiaro!), ma positiva al tampone! Bisogna rendersi conto, lo ripeto da nove mesi, che non si può andare contro le leggi di natura e la stagionalità di certe sindromi virali. Lasciate stare la Cina, che è un altro pianeta. I conti li faremo alla fine.

Una continua campagna mediatica che crea psicosi da virus da un lato, una totale assenza per mesi di misure di prevenzione, specie a riguardo degli anziani dall’altra. Poche cose, fatte bene!

Il lockdown non puoi farlo spiegare a certe persone. Alla signora Dietlinde Gruber che trasmette da casa con alle spalle un Mark Rothko che quota milioni di euro. È un insulto, e se non lo capite vuol dire che siete stupidi, ma per davvero.

È la stessa situazione delle brioches di Maria Antonietta.


17 commenti:

  1. Gran bel post stringato ma incisivo.
    Lo condivido. Ciao

    RispondiElimina
  2. Protocolli ospedalieri semplicemente demenziali per cui si ricovera gente con una classica sindrome influenzale (che non è robetta, sia chiaro!), ma positiva al tampone!

    Forse voleva scrivere "ma negativa al tampone".
    Perché se è positiva, non l'ho capita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i sintomi della SARS-CoV-2 sono analoghi ad altre sindromi influenzali, salvo complicazioni, come sappiano. Con tampone negativo non ti ricoverano neanche se sputi sangue.

      Elimina
    2. Grazie per la delucidazione!

      Elimina
  3. il fatto che la politica sanitaria-emergenziale non sia circoscritta ai vecchi rende evidente l'attacco al resto della cittadinanza. Che ad un certo punto reagisce. Ma questo era previsto se non auspicato da chi va verso il dispotismo col pretesto di un virus. La sequenza di 3 dpcm ha tutta l'aria della provocazione in effetti.
    Certo se il debito al posto di scaricarlo sui giovani lo finanzi tassando i Rothko (che poi non è Rothko) capirebbero tutti meglio, ma poi non si parlerebbe più di vetrine rotte, una vergogna, bensì di magistrati che saltano per aria con interi pezzi di autostrada ecc ecc. Non è il caso, per ora. Prima la salute, la loro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bisognerebbe illuminare bene il quadro. Ma non è. In effetti il problema della patrimoniale è censire correttamente i beni...

      Elimina
    2. telefono a Lilli e le dico di accendere l'abatjour sulla sua sinistra e a lei di spostarsi sulla destra.

      non ti permettere più di mettere in dubbio un'attribuzione del dott. Castaldi

      Elimina
    3. più a destra di così...

      Elimina
  4. in effetti dopo nove mesi a ripetere sempre le stesse cose (che poi è solo una e cioè che sono tutti incompetenti e in mala fede) , non sarebbe male avanzare qualche proposta alternativa. Per esempio lei adotterebbe qualche misura di contenimento ? E se sì, quale ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le stesse cose che si fanno in svizzera

      Elimina
    2. un po'troppo comoda come risposta in effetti 😊.

      Elimina
  5. "Siamo uno dei Paesi messi peggio a livello europeo. Dobbiamo evitare il sovraccarico del sistema sanitario", ha aggiunto Berset, citato dalla Rsi. Nuove misure di contenimento valide a livello federale dovrebbero essere comunicate mercoledì dal Consiglio federale e resteranno probabilmente in vigore per molto tempo.
    Questa è la Svizzera.
    La verità è che la Pandemia non si governa. Decide lei.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non sono d'accordo. oggi siamo in grado di contrastare la diffusione delle epidemie. e anche, entro certi limiti, di prevenirle.

      Elimina
  6. Avevo scritto a marzo: sono il medico infettivologo ospedaliero di una cittadina del centro nord duramente colpita dell'epidemia (ad oggi oltre 1000 morti + almeno altri 500 da conseguenze di una sanità condizionata dal covid: no visite, no screening, no prevenzione, drastico calo interventi programmati): oggi sappiamo molto + di allora, i sintomatici gravi a rischio sono il 2-3% del totale degli infetti, il virus è protrombotico, l'eparina previene grandi complicazioni,il cortisone non fa male. Io come tanti come me hanno visto morire coetanei(57 anni) o + giovani con unici fattori di rischio il sovrappeso e magari l'ipertensione. Non è l'influenza ( in 30 anni di lavoro in ospedale avrò visto morire di influenza 30 persone,quante ne morivano in 2 giorni a marzo), il 2020 verrà ricordato nella storia per il Sars-cov 2. È chiaro che è la morte dell'economia, ma quale governante si assume la responsabilità del libera tutti
    Con stima
    Alessandro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. egregio Alessandro, mai messo in dubbio che i sintomatici gravi a rischio siano il 2-3% del totale dei positivi, e che di questi un certo numero soccomba.

      nessun dubbio che questa sindrome virale passerà alla storia, anche perché simili lockdown e coperture mediatiche non ci sono state in precedenza.

      grazie per la stima, che ricambio. un cordiale saluto e buon lavoro.

      Elimina