martedì 10 novembre 2020

Quale comunità?

 

Troppo comodo invocare oggi lo spirito di “comunità”. Ne fanno parte anche i vinti, chi non ha avuto successo nella vita, che passa per essere stato poco meritevole?

In questa emergenza il conto lo paghiamo tutti, rispondono loro. Non è vero. C’è chi paga molto più di altri, e chi ha solo da guadagnarci. Il Covid ha reso i ricchi ancora più ricchi e i poveri ancora più poveri. Tra chi raccoglie più soldi ci sono le grandi scatole televisive e le vendite online.

Sarebbe opportuno che tacessero quelli che condividono dividendi perché vengono licenziati gli “altri”. Quelli che viene prima la logica di bilancio e della privatizzazione dei profitti, che pretendono di farci lavorare sempre di più per guadagnare sempre meno.

Quanto all’inventario degli idioti, non è certamente esaustivo. Arrivati all’oggi, è chiaro e facile essere d’accordo con Zaia, ossia che non bisogna agire come degli irresponsabili, e però bisognerebbe partire da ciò che è stato fatto oppure omesso prima e durante questo pandemonio. Sul come e perché dapprima è stata “purgata” la sanità, e poi su come s’è perso tempo e gettato denaro (i banchi scolastici con le ruote, p.e.).

I comportamenti sociali, anche i più estremi, hanno sempre una loro ragion d’essere, perciò non basta liquidarli nella categoria della stupidità.


7 commenti:

  1. Olympe, se tu astraessi di meno, renderesti i tuoi post più accessibili ad una larga fetta di lettori.

    Un lettore affezionato

    RispondiElimina
  2. si cerca l'immobilità di gregge...

    RispondiElimina
  3. quando la nave affonda siamo improvvisamente tutti sulla stessa barca mentre quando decolla non esiste la società esistono solo gli individui...
    E' sempre la terza classe ad annegare mentre il governo ancora suona il solito motivo in tolda.

    RispondiElimina
  4. Ma una volta quelli come Seminerio non avrebbero citato quella tizia che sosteneva che "non esiste la società, esistono solo gli individui"? Quando fa comodo allora there is alternative, per parafrasare la medesima...

    Giovanni

    RispondiElimina
  5. Attendiamo fiduciosi che la comparsa di questo inatteso spirito comunitario leghista si tramuti nella condivisione con la "comunità" dei 49 milioni di euro sottratti, o dei 5 milioni di euro presenti in un conto corrente svizzero di un collega del Presidente Zaia...

    Siamo sempre qui, un saluto Olympe

    RispondiElimina
  6. "comunità" in termini politici significa stato, servizi sociali e intervento dello stato nell'economia. Non mi sembra che questo blog sia mai stato un fautore particolarmente acceso di queste cose. Le piccole partite IVA senza reddito stanno male, ok, ma i disoccupati meridionali non stanno e non stavano prima della pandemia, altrettanto male se non peggio ? Eppure non mi sembra che questo blog abbia mostrato entusiasmo verso il reddito di cittadinanza , tutt'altro...Però guai a non "ristorare" immediatamente i vari padroncini rimasti a secco. Insomma mi sembra un caso curioso di marxismo in salsa veneto leghista.

    RispondiElimina