domenica 31 dicembre 2017

Sarà



«Per i parlamentari entra l'obbligo di votare la fiducia ai governi espressione dei cinque stelle». È un obbligo, sia chiaro, che esiste anche per gli altri partiti (altrimenti ti appendono al chiodo e non ti ricandidano). E tuttavia vederlo messo per iscritto nel nuovo “codice etico” (?!), mi ricorda qualcosa, mi riporta ad un passato lontano, anche se non lontanissimo, ma non riseco a ricordare nulla di preciso. Senescenza? Sarà.

Un anno in meno da qui alla fine del mondo. Buona fine ...

3 commenti:

  1. non passerà molto che anche i 5s proveranno l' ebbrezza di non riuscire a tenere insieme gli stessi segmenti sociali che li compongono, fenomeno che investe regolarmente, nel giro di sempre meno tempo, le aggregazioni che vanno al governo. i 5S si stanno logicamente premurando.

    alla voce "interesse generale nazionale" (cioè piccolo borghese) -declinato rigorosamente in maniera generica- se la giocano loro e la lega, ognuno in abbastanza definiti limiti geografici: i tanti gap, fra cui quello nord-sud, non finiscono di alimentare il frazionamento politico.

    purtroppo per entrambi loro quei pochi decimi di PIL e di disoccupazione recuperati ultimamente non giocano a favore, anche se conseguiti unicamente sulla scia di cause esogene e per nulla percepiti ai piani bassi. ma al plebeo basta poco per sperare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non saprei aggiungere una pennellata in più

      Elimina
  2. https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/01/01/i-super-ricchi-sono-sempre-esistiti-con-la-differenza-che-ora-possiamo-diventarlo-tutti/4067973/

    Chi ben comincia.....buon 2018.
    AG

    RispondiElimina