mercoledì 21 settembre 2016

Sua madre ...



In Italia s’innova poco, e scarsi sono gli investimenti. Eppure, in piena rovina neoliberale, abbiamo sottomano un’ottima opportunità per mettere in sintonia i nostri bisogni – non importa si tratti di beni essenziali o di ossessioni edonistiche – con le altrimenti modeste possibilità economiche. Non mi riferisco a trovate della spumeggiante fantasia di politicanti poi reclamizzate da devoti opinionisti, ma a qualcosa di assolutamente concreto: una materia prima da trasformare addirittura in oggetti preziosissimi da vendere eventualmente sul mercato, oppure da dare in pegno a Bruxelles in cambio di un po’ di spesa pubblica aggiuntiva. Che cosa si tratti di valorizzare opportunamente è presto detto. Se è in picchiata la natalità è invece in aumento la mortalità. In attesa dell’Istat, fidiamoci dei bollettini parrocchiali. Non ci mancano dunque i cadaveri da trasformare in diamanti. Non ci credete? Scrive l’autorevole quotidiano torinese La Stampa:

«I giapponesi fanno la fila. E così i tedeschi, gli austriaci, gli svizzeri. Popoli diversi per latitudine, cultura e religione, accomunati dalla pratica di cremare i defunti. Quando gli si propone di fare un passo più in là, e di portare alle estreme conseguenze il processo di cremazione, trasformando le ceneri del caro estinto in un diamante - cosa che da una decina di anni è possibile in uno stabilimento in Svizzera - non si tirano indietro scandalizzati. […] Se nel mondo si procede al ritmo di 800-900 diamanti umani all’anno, in Italia a malapena c’è una decina di casi. E la società Algordanza non nasconde la delusione. «Siamo lontani dalle attese», riconosce l’amministratore delegato della consociata italiana, Walter Mendizza.»

Prosegue l’intraprendente Mendizza:


«Per noi, la cosa peggiore è l’abbandono dei defunti. Intendo i nostri cimiteri, luoghi senza alcuna grazia, inadatti ad accogliere i nostri cari. Peggio ancora per la dispersione delle ceneri in aria. Capisco l’aspetto romantico, ma siamo agli antipodi. Il defunto deve essere sempre con noi, in un diamante che portiamo al collo o al dito». E mentre parla, indica un diamante che porta al collo: “È mia madre”.»  

9 commenti:

  1. Questione energetiche...

    Calcolando i costi energetici dell'acquisto di un loculo, della cassa per il defunto, ed altri ammennicoli vari, resta da valutare se il processo di "diamantificazione" del caro estinto sia conveniente o meno.

    I tecnici li creano utilizzando una base di carbonio in un microonde insieme a metano o un altro gas contenente carbonio, e poi la riscaldano fino a trasformarla in una palla di plasma incandescente. In questo modo si creano particelle che si cristallizzano in diamanti nel giro di dieci settimane...

    Ovvero bisogna valutare la base di carbonio del caro estinto ecte,ect,ect

    caino

    Tutto questo solo per escludere a priori le panzanate etico morali che si scatenano tra le opposte parti .
    In un futuro sempre più prossimo, traendo indicazioni da un passato recente "meno tecnologico",ma molto produttivo di cadaveri a livello industriale, penso che qualcuno stia già pensando "all'affaire".
    Questione di bilanci energetici ,(brutalmente di costi).
    Alle questioni etico-morali se "L'affaire" conviene ,se ne troveranno a prezzi modici sul mercato dei Media ,già ora..
    Con tanti saluti ai cari estinti !

    RispondiElimina
  2. Quanto costa il processo di trasformazione è indicato dall'intraprendente Mendizza? Lo chiedo perché mi sa che, così a occhio, se tale pratica è invalsa presso giapponesi, svizzeri, tedeschi e austriaci e molto meno per - per esempio - per i popoli latini, una ragione (la vil pecunia!) ci sarà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 4000 euro se ci si accontenta di un diamante piccolo. www.algordanzaitalia.it

      Elimina
  3. E infatti... A proposito di etici..!

    Arriva Giovanardi con il divieto di diamantizzare...il Nuovo reato sarebbe : Vilipendio di cadavere.
    Suvvia On. a nessuno verrebbe mai in mente di diamantizzare Lei, dopo la sua dipartita !

    caino

    x Olympe, ma non è che per caso ho introdotto un nuovo termine con il mio diamantizzare..?com'è che si dice "neologismo" , roba da accademia della Crusca..sic !

    RispondiElimina
  4. Non c'è bisogno di crearsi di questi problemi, se Putin s'inca*** sul serio, finiremo tutti inceneriti da bombe atomiche.......qualcuno sa cosa resta oltre alla cenere color pece? Siamo sull'orlo di una III GM e stiamo a discutere sui necrodiamanti? Suvvia!

    RispondiElimina
  5. munte di valore financo le carogne, non ci si annoia mai a Capital City

    RispondiElimina
  6. Se non ricordo male negli USA ci si può far ibernare, lo scongelamento potrà avvenire a tempo indeterminato.Una specie di findus senza scadenza.
    Peraltro ogni epoca vede l'esorcizzazione della morte :la mummificazione,la conservazione di ossa in teca, ecc.
    Ogni religione organizza le proprie venerazioni.
    Tanto di cappello agli inventori e al signor Mendizza che riesce a spillare quattrini agli appassionati dei parenti bijoux: il denaro così circola.
    Il vero pericolo consiste nel bidone che è sempre alle porte: ti scambiano le ossa del nonno per un 'cecio' di due carati.

    RispondiElimina