martedì 16 agosto 2016

Cara signora N.


La signora N. è di Vienna. La conosciamo da undici anni esatti. Stesso hotel, camere affacciate sulla spiaggia. Alla reception c’è un’altra austriaca, che ormai è diventata più italiana di noi e soprattutto di tanti altri. Da qualche anno ci assegna ombrelloni attigui, molto vicini all’Adriatico. Perché è gentile e in cambio di una mancia. La signora N. (iniziale del cognome), di primo mattino, con la sua tuta “tecnica” nuova di zecca, va a sudare sul lungomare. Ritorna madida, ma la cellulite se ne fotte del suo diuturno sacrificio. Poi entra in sala da pranzo e si serve la colazione. Lo sappiamo che un po’ si vergogna se la osserviamo, perciò rivolgiamo l’attenzione a tutt’altro. Sappiamo perfettamente cosa va riempiendo nei suoi piattini. Anzitutto uova strapazzate, con sopra una o due fette di pancetta industriale arrostita, che chiamano becon ma è veleno. Poi brioche, pezzetti di dolce e anche, bontà sua, della frutta.


La signora arriva in spiaggia, grüßgott, legge il suo giornale popolare sotto l’ombrellone e diligente risolve il cruciverbone che riempie un’intera pagina. Poi, se gli va, s’intrattiene, a bassa voce, intercalando la sua fitta prolusione con delle risatine. Così va il mondo, tutto il mondo è paese, ecc.. Ripete. I soliti temi non banali. Questa mattina, dopo la corsetta e la prima colazione, è ripartita per Vienna. Ci ha detto, salutandoci, che arriverà nel primo pomeriggio. Vienna è lassù, in alto. E non c’è il mare, ha rivelato sorridendo anche quest’anno. Perché ne scrivo? Perché già ci manca un po’. Intorno a noi, tra una mezzora, ci saranno solo bimbi italiani schiamazzanti, e mamme a tutto volume su questioni di gran momento. Rimpiangeremo senz’altro i temi trattati dalla signora N. di Vienna. Cara signora N., wiedersehen .....

7 commenti:

  1. Noto un certo"rammarico" che va aldila' del "fattore umano"... Che forse gli "striaci" fossero "padroni" migliori degli attuali ? :-)
    ws

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amministratori migliori, ma sempre padroni

      Elimina
  2. Tanti anni fa ,mi recai in trentino nelle montagne, vicino a Trento .
    Non mi ricordo più il perché , ma il discorso con gli albergatori, (italiani) cadde su Cesare Battisti.
    Orbene, se non ricordo male, mandarono C. Battisti (non me per educazione e poi cliente)a quel paese..!

    caino

    RispondiElimina
  3. Ahh, proposito di migranti...

    Si potrebbe perfino essere in accordo con un cabalbiese d.o.c : Chicco Testa.
    Ex PCI, ex DS ex e ora non mi ricordo più a capo di qualche "cosa".
    Se arrivano i migranti, la PA riesca a fornirgli un lavoro!
    Mi sembra però troppo complicato in Italia.
    Nella libera città di Cabalbio (dio benedoca occhetto),non lo so.

    caino

    RispondiElimina
  4. Non cerchi consolazione nella signora ottentotta, anche lei madame è un isterica...

    RispondiElimina

  5. mmmh, le ferie sotto l'ombrellone sono una sciagura in sé

    RispondiElimina