venerdì 11 dicembre 2015

Caldarrostai, menarrosti et similia






(Firenze, startup 2015)


A sentire certi esperti finanziari su radiotre c’è da capire perché Mao Tze Tung mandò questa gente a zappare nelle comuni agricole. Questa mattina uno di questi esperti – con un tono di voce da crema calda – ha paragonato la vendita di obbligazioni “tossiche” in banca alla vendita di prodotti ittici “tossici” da parte dei pescivendoli. Avrebbe potuto aggiungere le castagne guaste dal caldarrostaio, eccetera. Finiremo molto peggio di così, e con merito.

3 commenti:

  1. Bahh..!

    Dal mio punto di osservazione,al caldo,oggi osservavo uno "spaccato" di piccola europa.
    Vi erano piemontesi,valdostane,olandesi ect.
    Pascolavano beate l'ultima erba verde rimasta di questo "meraviglioso 2015 ,che si va a chiudere con un secondo in piu'.
    Il pascolo,si alternava a piccole prove di forza attraverso le quali le quali, le giovenche comprendono come si vive in branco,imparano pure a leccarsi (con spatole naturali ,migliori delle sintetiche che si possono anche comprendere mangiando i bolliti misti)
    Tra questi giganti,in simbiosi,saltellano garruli passeri.
    Simbiosi che si puo'apprezzare quindi anche da noi,senza per questo doversi sorbire un documentario del NG,su Asia,,Africa,o Sud America.
    Nel Nord America,come noto,la carne nasce in scatola,come imponfono i dettami del TTIP.
    Provate ad indovinare cosa cercano i passeri,rovistando nei cascami del mercato obbligazionario?

    Direi quindi ,una scena di carattere "bucolica" a due passi e per viunta gratis,tanto da far pensare che tra poco e' natale.
    Natale porta il pensiero sul presepe e dal mio punto di vista imporrei il presepe in tutte le scuole del regno,poiche'a mio avviso e'un vero esempio di internazionalismo.
    Salvo alcuni accorgimenti.
    Si possono eliminare i Re Magi,che sono un optional,per il resto rimangono una coppia di rifugiati,non si sa se con documenti a posto,probabilmente richiedenti asilo e una pletora di poveracci ,o vasto assortimento di dubbia nazionalita',visto che il cristianesimo non era stato ancora inventato.
    Massimo Cacciari fara'il bue ,visto che l'asino e' un animale intelligente.
    L'unico dubbio che rimane e'cosa mettere al posto della stella cometa, ma,sono sicuro che,molti dei frequentatori di questo blog,una mezza idea la possiedano di sicuro.

    Caino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche il bove è intelligente, ed è anche pio

      Elimina
  2. Non era una questione di intelligenza,era solo per fornirgli un ruolo nella storia.

    caino

    RispondiElimina