lunedì 3 marzo 2014

La vittoria


Fa un certo effetto, di sorpresa quasi, leggere nel maggiore quotidiano economico finanziario europeo, ossia sul Sole 24 ore, queste parole:

«La vittoria in questa fase storica dell'economia finanziaria sul diritto ha tolto centralità e sovranità alla politica, riversandole sul governo della moneta. Intorno al denaro ruotano gli Stati, le democrazie e le autocrazie, sicché è proprio questo governo della moneta a determinare in larga misura il destino dei popoli nella nuova globalizzazione. È così che le Banche centrali, che di quel governo hanno la leadership, costituiscono ormai il vero e indiscusso potere delle nazioni e mai come in questo periodo le loro decisioni ne hanno condizionato la vita. La rapidità con cui le Banche centrali possono agire sull'andamento delle economie globalizzate, in continua variabilità, è superiore a qualunque politica di Stati democratici o autocratici».

Tradotto, significa anzitutto che i governi e i parlamenti, anche laddove sussistono le democrazie, anziché rappresentare almeno formalmente la volontà dei popoli essi ormai non sono altro che la lunga mano degli interessi dell’economia finanziaria, delle decisioni prese in luoghi distanti dai palazzi delle istituzioni statuali e da personaggi prevalentemente occulti.



E, laddove non bastasse questo giudizio sintetico su ciò che ormai avviene palesemente, possiamo sempre leggere, sulle stesse pagine, delle truffe e delle malversazioni di cui si rendono protagoniste le maggiori banche mondiali (ed è solo ciò che emerge). Non solo hanno truccato il Libor, ma pare che Deutsche Bank, Bank of Nova Scotia, HSBC Holdings e Sociéte générale siano arrivate a truccare gli indici borsistici dell’oro da chissà quanto tempo e senza che nessun organo di controllo ufficiale alzasse un dito.

A denunciare lo scandalo del Libor truccato da Ubs, Barclays, Hsbc, Rbs, JP Morgan e dell’immancabile Deutsche Banck, fu, tra gli altri, Rosa Abrantes-Metz, ossia la stessa che ora denuncia come cinque banche si siano mosse per pilotare il cosiddetto "afternoon fix" di Londra, quello delle ore 15 GMT, vale a dire il benchmark usato da banche centrali, società minerarie e brand della gioielleria per stabilire il prezzo di mercato dell’oro.

Se da un lato il governo maschera l’Imu chiamandola Tasi, in molti casi inasprendola, dall’altro le banche manipolano l’indice al quale è legato il mutuo sulla mia (non ancora del tutto mia, ma della banca) casa, oppure sul negozio, il capannone, ecc.. Manipolando l’indice dell’oro, poi, vanno ad influire su tutta una serie di prodotti finanziari e di merci che hanno un qualche riferimento diretto o indiretto con tale indice.

Insomma, le banche e i grandi operatori finanziari da un lato con le loro inopinate scelte operative d’investimento decidono le sorti dell’economia, spesso truccando anche fraudolentemente il gioco, e dall’altro alterano la democrazia riducendola a una mera giostra elettorale. Che si possa parlare di plutocrazia non mi pare un azzardo, e non è fuori luogo parlare di una nuova forma di dittatura. Verso cui pare vano opporsi con i mezzi ordinari del diritto e della politica borghesi, poiché il diritto è emanazione diretta dell’ordinamento economico capitalistico (se no, di che cosa?) e l’establishment politico – come evince anche la pubblicistica padronale – una diretta emanazione del "governo della moneta", ossia del capitale finanziario.




(*) Il Libor viene fissato consultando una dozzina di banche che indicano il "rate" con il quale ritengono di potersi finanziarie; la quota più elevata e la più bassa sono poi eliminate; la media del resto diviene il London interbank official rate, Libor appunto, per gli operatori di tutto il mondo. Un mercato da 300mila miliardi di dollari che regola prodotti finanziari di ogni genere in tutto il mondo, inclusi i mutui immobiliari e le relative rate che noi paghiamo sui mutui indicizzati.

7 commenti:

  1. Risposte
    1. sì, però mi pare riduttivo

      Elimina
    2. Allora diciamo che la "Bancocrazia" può essere definita come una declinazione del più ampio potere plutocratico
      AG

      Elimina
    3. Perchè scusi è riduttivo?

      Elimina

  2. - nel caso particolare, l'interesse sui mutui casa fino al 13-14% degli anni '70 non mi sembra che sia stato un gran regalo anche allora (è forse aumentata la quota prestito, infatti si vede dalle sofferenze e cartolarizzazioni). Nulla di nuovo sotto il sole. Comunque la si metta sempre gangsters sono.
    - ' [... ] maggiore quogidiano economico finanziario europeo, ossia sul Sole
    24 ore'. Attribuzione di grandeur un pò eccessiva.
    - piuttosto sarebbe interessante capire le ragioni di questo outing del Sole (
    un pò si è già letto sugli inserti domenicali)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. alla dine degli anni 70, i mutui superavano il 20 %, ma ciò seguiva l'inflazione, qui si tratta di truffa vera e propria

      sulla grandeur del sole mi attengo ai fatti, cioè ai dati sulle copie

      il Sole è uno dei pochi quotidiani leggibili, anche se in ribasso da quando gianni riotta ne fu l'infausto direttore

      Elimina