sabato 31 dicembre 2011

Un 2012 tecnico



Cosa succederà nel 2012, ossia fino alla scadenza del calendario Maya? Non desidero esercitare abusivamente la professione d’indovino, e perciò per rispondere alla domanda l’unica cosa seria da farsi sarebbe valutare i fatti, ma le notizie in mio e nostro possesso sono molto contradditorie e scarsamente attendibili, poiché le informazioni che contano sono, come sempre, segrete e quando viaggiano non lo fanno in internet e nemmeno in cablo, bensì in cifra o per altre vie.

Non c’è da avere del resto nemmeno eccessiva fiducia negli esperti. Come ebbe a osservare Lenin, a nessuno scienziato magari molto capace nel proprio campo di competenza è possibile credere sulla parola quando si tratta di generalizzazioni teoriche. Nei pronostici sociali i modelli matematici, i dati statistici, non sono numeri asettici, ma essi comprendono anche la limitazione storica, i pregiudizi sociali, le illusioni e disillusioni, l’ottimismo e il pessimismo dei loro autori.

L’errore, com’è noto, non diventa verità solo perché rivestito di formule matematiche; la matematizzazione di un fenomeno deve formarsi sulla corretta analisi dialettica del fenomeno reale. Ecco un altro motivo che ci dovrebbe far riflettere quando demandiamo le decisioni ai “tecnici” su questioni che sono anzitutto politiche. Non deve quindi sorprendere che sulla chiusura dei cantieri navali di cui lo Stato è proprietario non venga detta una parola. È solo un fatto tecnico ("ci stiamo lavorando"), come il trasferimento degli impianti della Omsa in Serbia, ecc. ecc..

In fondo, almeno dal mio punto di vista, la questione è sempre la stessa e cioè che ci troviamo in presenza di un sistema sociale incapace di prevedere e controllare le conseguenze negative del proprio agire e men che meno quelle della rivoluzione tecnico-scientifica in atto (un esempio tra tutti: gli scambi finanziari in tempo reale nelle dark pools). Del resto è stupido supporre che l’utilizzazione razionale delle risorse naturali possa dipendere dal meccanismo della domanda e dell’offerta, dei prezzi di mercato, ma vai a dirlo a un liberal del partito democratico. Così come è illusorio ritenere che l’inquinamento prodotto dalla produzione basata sulla massimizzazione del profitto e l’antagonismo dei mercati possa essere efficacemente combattuto e controllato adottando un sistema di quote e tributi.

Potrei continuare a lungo con tali esempi ma presuppongo lettori onesti che ragionano con la propria testa e che perciò non si lasciano fuorviare dalla propaganda dei capitalisti e dei loro servi. Così come ritengo che appaia evidente l'urgenza d'intraprendere la strada della pianificazione e gestione scientifica coordinata dei processi sociali nell’interesse di tutta la popolazione del pianeta. Tuttavia non possiamo farci nemmeno illusioni sul fatto che si tratti di un processo facile e tantomeno pacifico.

Auguro ai lettori e amici del blog un sereno anno nuovo.

13 commenti:

  1. Buon Anno a lei!

    Luigi

    RispondiElimina
  2. Quale élite è in grado, nell'interesse di tutta la popolazione del pianeta, cosi come lei scrive, di intraprendere la strada della pianificazione e gestione scientifica coordinata dei processi sociali? A quale gruppo di eccellenza sarebbe demandato tale gravoso compito e con quale consenso? Non vedo qualificate avanguardie di lotta rivoluzionaria all'orizzonte; vedo, invece, anni di sacrifici severi per i piu' deboli, di confusione sociale, di soluzioni autoritarie anche militari. Di nazionalismi nuovi e di ritorno. Di economie di guerra. Di imbarbarimento. Il fallimentare lassaiz-faire sarà un rimpianto. Non si irriti, ma non ho l'illusione, né l'età, della speranza. Sotto un cielo confuso non vedo che pioggia.
    Conscrit

    RispondiElimina
  3. Che sia un anno rivoluzionario!
    Auguri sinceri.

    RispondiElimina
  4. @ conscrit

    e perché dovrei irritarmi? sono perfettamente d'accordo, non per nulla ho concluso il post con una determinata frase. anche in russia dopo il 1905 la situazione sembrava dover durare almeno altri cent'anni. le avanguardie? ne parliamo magari l'anno prossimo. auguri

    RispondiElimina
  5. Anche da me,a Lei e ai Lettori,

    i migliori auguri che l'anno prossimo
    si possa parlare di programmi, organizzazione
    e, visto che i desideri sono ancora gratis,

    di azione.

    Un abbraccio a tutti

    gianni

    RispondiElimina
  6. Auguri anche a lei e a chi la segue.
    Conscrit

    RispondiElimina
  7. Grazie e ricambio gli auguri cordialmente.
    Mai chinare la testa e mai deporre la speranza.

    mauro

    RispondiElimina
  8. Sono un suo recente (grazie al commento a uno dei post di Malvino) ma appassionato lettore.
    Auguri!

    Hans

    RispondiElimina
  9. Segnalo un analisi notevole

    L’imperialismo globale e le leggi “naturali” dell’accumulazione capitalistica

    http://www.proteo.rdbcub.it/article.php3?id_article=298

    Buona lettura

    gianni

    RispondiElimina
  10. buon anno a madame olympe e a tutti i lettori di questo blog .lucilla

    RispondiElimina